logotype

Antigone

di Jean Anouilh

Il dramma in un atto unico, scritto nel 1942 e rappresentato per la prima volta a Parigi nel 1944, è ispirato all'omonima tragedia di Sofocle. Composto durante l'occupazione nazista della Francia, rielabora il mito adattandolo alla situazione storica vissuta dall'autore. Il debutto fu un insuccesso e suscitò un dibattito tra chi vi leggeva una difesa dell'ordine costituito e chi, al contrario, vi intravedeva un messaggio di ribellione, che dava risalto all'opposizione tra individuo e potere pubblico.

Leggi tutto...

Sei personaggi in cerca di autore

di Luigi Pirandello

Il dramma teatrale scritto nel 1921 e considerato la prima opera della trilogia del "teatro nel teatro", rese celebre quasi all'improvviso Luigi Pirandello, trascinandolo anche in una iniziale polemica critica.

 

Leggi tutto...

L'illusion comique

di Pierre Corneille - Traduzione e adattamento di Luigi Lunari

Pridamante, tormentato dalla scomparsa di suo figlio Clindoro, dopo anni di vana ricerca, viene accompagnato da Dorante all'ingresso di una grotta in cui abita Alcandro, un mago che sa leggere nel cuore degli umani e che attraverso incantesimi e apparizioni mostrerà al vecchio padre avventure e peripezie del figlio, fino a giungere ad un finale imprevedibile.

 

Leggi tutto...

Un tranquillo week-end di follia

di Alan Bond - traduzione di Luigi Lunari

ico folliaDall'opera di uno scrittore di grande talento ma ancora poco conosciuto, Luigi Lunari - autore tra l'altro di "Tre sull'altalena" e del "Canto del cigno"- traduce questo testo, divertente ed elegante, che racconta un animato week end nella villa di campagna di Victor e di Pamela: due attori sulla via del tramonto, divorziati da qualche anno, che della casa si servono a turno per condurvi qualche amico. Ma basta un piccolo equivoco, e in questo particolare week end si ritrovano in quattro: Victor con un'attricetta di belle speranze, Pamela con un giovane ammiratore che scrive poesie e beve solo latte

Leggi tutto...

Il canto del cigno

atto unico di Luigi Lunari

Un palcoscenico che sembra annunciare una di quelle serate artistico-mondane nelle quali si distribuiscono premi ad attori e registi, si rivela, come all’inizio dell’opera omonima di Anton P. Cechov, il confessionale di un attore giunto alla fine della sua carriera artistica che, risvegliatosi a notte inoltrata, incontra sé stesso. Il protagonista, in bilico tra finzione e realtà, incalzato dalla presenza di figure femminili... troverà infine la pace di un uomo come tanti altri che però ha navigato nel mare della vita quel "veliero di sogni" che è il Teatro.

Leggi tutto...

Il medico per forza

di J.B.Poquelin detto Molière

ico medicoFarsa di gran classe presentata per la prima volta il 6 Agosto 1666 al Palais Royal, ebbe 66 repliche e dopo "Il Tartufo", fu il testo più rappresentato di Molière. E' protagonista Sganarello che, ben lungi dal restare nei limiti di Scapin e di Mascarille, mostra una consistenza umana accostabile per certi lati del suo carattere (indulgenza verso gli agi e le convenienze personali, fertilità di espedienti, prontezza di risposte) a quella del Falstaff shakespereano. La moglie Martina, anch'essa in felice contrasto con le Soubrettes e Femmes d'intrigues di altre commedie farsesche molieriane, prende posto in quella galleria di vivaci e familiari serventi, dal franco buon senso popolare.

Leggi tutto...

2019  Compagnia Teatrale La Ringhiera di Vicenza